Sicurezza a Lido, Riccio: "Locali sono una risorsa, non un problema per la città"

Catanzaro, Mercoledì 14 Marzo 2018 - 15:47 di Redazione

“Ho appreso dalla stampa i contenuti dell’incontro tra il sindaco Abramo e il questore Di Ruocco sulla questione sicurezza nel quartiere Lido, dopo gli episodi successi in una nottata della scorsa settimana. Mettiamo in chiaro un aspetto: i turisti e gli studenti, e la movida in generale, non sono un problema, ma al contrario una potenziale risorsa per una città che si vorrebbe a vocazione turistica. I locali, perciò, non dovrebbero essere “mortificati” a priori, in quanto hanno contribuito a riportare vita in un quartiere che, fino a qualche anno fa, era ridotto ad un deserto. I problemi di cui si parla sono presenti in tutte le città e dovrebbero essere affrontati ragionando in termini di governance. Una regolamentazione ed una programmazione efficaci porterebbero solo vantaggi all’economia locale fronteggiando il degrado e l’incuria che sono il vero problema. La repressione dei locali non serve, ma occorrono interventi finalizzati a ridare luce alla strade, alla manutenzione dei giardini pubblici e del lungomare, alla raccolta differenziata, alla gestione dei parcheggi, al controllo del traffico con un presidio dei vigili urbani. Voglio, inoltre, ricordare che la presenza di persone per le strade rappresenta un “antifurto” naturale contro episodi di microcriminalità, più efficace di un eventuale “coprifuoco” che non farebbe altro che consegnare il quartiere in mano ai delinquenti. Ovviamente tutto deve svolgersi nel rispetto della quiete notturna, ma senza che la vita attorno ai locali venga sottoposta ad un regime militare, attraverso una proliferazione di controlli. Il Comune cosa può fare allora? Penso non solo alla videosorveglianza sul fronte della sicurezza, ma anche a incentivare interventi di insonorizzazione da parte dei locali attraverso una politica di sgravi fiscali e riduzione della Tosap. A proposito di rispetto delle norme, bisognerebbe riporre la stessa attenzione, dal punto di vista igienico-sanitario, anche verso i locali di distribuzione automatica di bevande e alimenti, gestiti da stranieri, frequentati soprattutto da giovani.  Sarebbe utile anche aumentare i turni di ritiro di vetro e plastica e stimolare iniziative culturali che valorizzino la vita notturna sana ed equilibrata, favorendo al contempo l’integrazione degli studenti nella città. I locali sono il primo motore economico per il quartiere, il pugno duro a tutti i costi non è la soluzione giusta”.

Consigliere comunale Eugenio Riccio



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code